Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia PDF

Antondemarirreguera.es Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia Image

DESCRIZIONE

Governi, Regioni e Comuni hanno sprecato miliardi per realizzare infrastrutture e opere troppo grandi, troppo costose da gestire, di nessuna utilità per le comunità. Se gli stessi soldi fossero stati risparmiati, oggi non ci sarebbe alcun problema a garantire la cassa integrazione a un milione di operai a rischio povertà. E invece almeno 10 miliardi di euro sono stati gettati al vento per costruire ospedali diventati pascoli per le capre, ponti avveniristici che nessuno attraversa, impianti sportivi in piena campagna. In questo viaggio attraverso lo spreco s'incontrano anche grandi opere commissionate a star mondiali dell'architettura costate decine di milioni di euro delle quali però i cittadini non sanno che farsene. Nell'elenco delle spese inutili sono immancabili le incompiute, piccole e grandi, vere e proprie colate di cemento che hanno sfregiato spazi verdi senza alcun vantaggio per il territorio. Solo una grande bruttezza. Ma chi ha guadagnato dallo spreco? Quante e quali sono le cattedrali nel deserto? E quanto ci sono costate?

DATA 2015
ISBN 9788806220655
NOME DEL FILE Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia.pdf
DIMENSIONE 8,71 MB
AUTORE Antonio Fraschilla
Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia PDF. Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia ePUB. Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia MOBI. Il libro è stato scritto il 2015. Cerca un libro di Grandi e inutili. Le grandi opere in Italia su antondemarirreguera.es.

Grandi e inutili : le grandi opere in Italia / Antonio ...

Grandi opere inutili. 26 Novembre 2018 pubblicato da Il Ponte. di Alberto Ziparo. In Italia negli ultimi vent'anni si sono spesi oltre 170 miliardi di euro per nuove opere (130 solo per la Tav), laddove per la manutenzione del piú grande patrimonio infrastrutturale dell'Occidente ...

Dal Tav alla Gronda, le inutili Grandi opere | il manifesto

Ai sostenitori senza se e senza ma delle Grandi opere, che nel crollo del ponte Morandi vedono solo l'occasione per recriminare la mancata realizzazione della Gronda, passaggio complementare e non alternativo al ponte crollato, va ricordato che anche quel ponte è (era) una «Grande opera»: dannosa per l'ambiente e per le comunità tra cui sorge e pericolosa per la vita e la salute di tutti.

LIBRI CORRELATI