Lo psicodramma dei bambini. I metodi d'azione in età evolutiva PDF

Antondemarirreguera.es Lo psicodramma dei bambini. I metodi d'azione in età evolutiva Image

DESCRIZIONE

Questo libro si propone di evidenziare gli specifici apporti che la teoria e la metodologia psicodrammatiche classiche, in particolare i contributi del loro ideatore J.L. Moreno, possono dare ad una comprensione dell'età evolutiva e all'intervento con l'infanzia. Proprio per le finalità operative del volume, accanto ad una illustrazione degli elementi fondativi dell'approccio psicodrammatico nell'età evolutiva, vengono descritte varie esperienze di intervento con metodi attivi in diversi ambiti dell'infanzia e adolescenza (psicoterapia di gruppo, scuola, animazione, comunità terapeutica, handicap, consultazione individuale con il bambino e l'adolescente, prevenzione ed educazione alla salute), corredate di numerose schede tecniche.

DATA 2002
ISBN 9788846441232
NOME DEL FILE Lo psicodramma dei bambini. I metodi d'azione in età evolutiva.pdf
DIMENSIONE 3,32 MB
AUTORE Luigi Dotti
Siamo lieti di presentare il libro di Lo psicodramma dei bambini. I metodi d'azione in età evolutiva, scritto da Luigi Dotti. Scaricate il libro di Lo psicodramma dei bambini. I metodi d'azione in età evolutiva in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su antondemarirreguera.es.

Lo psicodramma dei bambini. I metodi d'azione in età evolutiva

Jacob Levi Moreno è stato sicuramente un grande innovatore. A lui si deve l'evoluzione del metodo psicoanalitico in chiave gruppale, con l'invenzione di tecniche - sociometria, sociodramma, psicodramma e psicoterapia dei gruppi - che hanno trasformato i problemi del singolo (le nevrosi) in conflitti di ruolo tra individui e tra l'individuo e il suo gruppo di appartenenza.

Psicodramma in età evolutiva | Scarpanō - Teatro e Metodi ...

Lo psicodramma dei bambini I metodi d'azione in età evolutiva Prefazione di Felice Perussia leggi la prefazione di Felice Perussia FrancoAngeli, Milano, seconda edizione 2007, pp. 298, euro 21 «Molti hanno ripreso (mentre altri, che non avevano smesso, hanno continuato) a pensare il bambino come una dimensione fondativa del nostro essere vivi.

LIBRI CORRELATI