Emilio Vedova PDF

Antondemarirreguera.es Emilio Vedova Image

DESCRIZIONE

Dedicato al centenario della nascita di Emilio Vedova e al decennale della apertura al pubblico degli spazi espositivi e delle attività della Fondazione, il volume è introdotto da un testo di Alfredo Bianchini, presidente della Fondazione Emilio e Annabianca Vedova, cui seguono il saggio storico-critico di Germano Celant, curatore artistico e scientifico della Fondazione stessa, e un testo di Massimo Alvisi, fondatore dello studio di architettura Alvisi Kirimoto+Partners, volto alla considerazione delle strutture allestitive per le opere di Emilio Vedova. Il percorso creativo dell’artista è presentato a partire dagli esordi intorno al 1935, coincidenti con la produzione di una serie di disegni di architetture veneziane, dove la grafica e il segno portano ad un paesaggio graffiante ed energico, anticipatorio di un fare senza forma che, nel 1962, condurrà Emilio Vedova a spezzare anche la superficie del quadro con la serie dei “Plurimi”. La disamina propone i primi dipinti ancora figurativi alla ricerca di un dialogo con Tintoretto e il Barocco, per arrivare a documentare, negli anni quaranta, il periodo geometrico, in reazione al caos della tragedia della seconda guerra mondiale, seguito dalle vicende travagliate della sua partecipazione al Fronte Nuovo delle Arti. Negli anni cinquanta il linguaggio di Vedova rompe con la rigidità formale dell’astrazione e arriva a realizzare tele dal segno pittorico aperto e libero, drammatico e graffiante, connesso alla sua gestualità. Negli anni settanta, dopo i “Plurimi”, la drammaticità vissuta nel decennio precedente si traduce in un irrigidimento delle strutture con i “Plurimi/Binari”, opere cui si contrappongono i “…Cosiddetti Carnevali… ’77/’83”, connessi all’aspetto dionisiaco e anti-rituale dell’arte. Negli anni ottanta, dopo le collaborazioni con Luigi Nono, per “Intolleranza ’60” e per “Prometeo. Tragedia dell’ascolto”, 1984, e le grandi installazioni luminose di “Spazio/Plurimo/Luce” per l’Expo di Montreal del 1967, si apre per Vedova lo scatenamento delle immagini in tutto lo spazio architettonico. Infatti, dopo una serie di grandi dipinti, dal materismo cromato assoluto, Vedova passa alla costruzione dei “Dischi” e dei “Tondi”. L’esigenza di occupare la totalità del luogo lo porta nel 1987-1988 a pensare ad un gesto iconoclasta contro la rarità dell’opera: “…in continuum, compenetrazioni - traslati ’87/’88”. La narrazione è arricchita da un ampio apparato iconografico: innanzitutto le opere, le fotografie personali e i testi dell’artista; corredati, tramite la presentazione di documenti e immagini, dai riferimenti al contesto storico e artistico.

DATA 2020
ISBN 9788829702527
NOME DEL FILE Emilio Vedova.pdf
DIMENSIONE 4,68 MB
AUTORE Richiesta inoltrata al Negozio
Leggi il libro di Emilio Vedova direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Emilio Vedova in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su antondemarirreguera.es.

Emilio Vedova - Wikipedia

Emilio Vedova (1919-2006) è forse uno fra gli artisti italiani più permeati di cultura internazionale per la sua innata attitudine ad aprirsi al nuovo, alla sperimentazione, alla ricerca, sia in termini formali che contenutistici, per una personale irrequietudine intellettuale che lo porta continuamente a superare i limiti, a reinventarsi, a rimettersi in gioco e in discussione.

VEDOVA EMILIO - Quotazioni delle opere - Vendita e valutazione

Emilio Vedova, edizioni Folini Arte, anno: 2001, catalogo della mostra che si è tenuta dal 23 marzo al 18 maggio 2001 presso la Galleria Folini Arte Contemporanea di Chiasso, Svizzera. Adachiara Zevi, Peripezie del dopoguerra nell'arte italiana, Torino, Giulio Einaudi Editore, 2005, pp. 105-111;

LIBRI CORRELATI