Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata PDF

Antondemarirreguera.es Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata Image

DESCRIZIONE

A partire dal 1965, nel suo studio di Varsavia, Roman Opalka decide di rappresentare lo scorrere del tempo attraverso un processo che lo vede dipingere su tele che l'artista chiama "dettagli" - tutte di uguale dimensione corrispondente alla porta del suo studio - la progressione numerica dallo zero all'infinito. Nell'evoluzione del suo lavoro, in mostra presso la Galleria Michela Rizzo di Venezia a partire dall'1 giugno, si possono distinguere fasi diverse: nelle prime tele i numeri sono dipinti in bianco su un fondo nero, dal 1968 il nero viene sostituito dal grigio, mentre dal 1972 l'artista attenua via via il contrasto tra numeri e sfondo fino quasi ad annullarlo del tutto. Il catalogo della mostra è composto da un ricco apparato iconografico e dai testi di Bruno Corà, Lórand Hegyi e Ludovico Pratesi.

DATA 2011
ISBN 9788831710251
NOME DEL FILE Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata.pdf
DIMENSIONE 7,42 MB
AUTORE Richiesta inoltrata al Negozio
Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata PDF. Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata ePUB. Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata MOBI. Il libro è stato scritto il 2011. Cerca un libro di Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata su antondemarirreguera.es.

Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata ...

Roman Opalka. Il tempo della pittura. Ediz. illustrata: A partire dal 1965, nel suo studio di Varsavia, Roman Opalka decide di rappresentare lo scorrere del tempo attraverso un processo che lo vede dipingere su tele che l'artista chiama "dettagli" - tutte di uguale dimensione corrispondente alla porta del suo studio - la progressione numerica dallo zero all'infinito.

Tempo e arte nella mostra di Roman Opałka a Milano | Sky ...

Un progetto incentrato sull'analisi del concetto del tempo nell'arte dell'artista polacco Roman Opalka (1931), che prevede un "dialogo" con un capolavoro rinascimentale della collezione permanente del museo.

LIBRI CORRELATI