Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico PDF

Antondemarirreguera.es Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico Image

DESCRIZIONE

Nomos, la legge, e Polis, la città, sono i poli intorno ai quali si snodano le riflessioni di due opere dell'Atene classica: l'Antigone sofoclea e il Critone platonico. L'una, la tragedia, e l'altra, il dialogo filosofico, presentano entrambe un personaggio impegnato a dare la sua risposta di fronte al problema dell'autorità della legge e della libertà dell'individuo. L'autrice, rileggendo le interpretazioni avanzate su queste due opere, e attraverso un percorso assieme storico e filosofico, affronta i nodi teorici e concettuali che la tragedia e il dialogo propongono: il complesso rapporto fra individuo e legge, la nascita della coscienza morale, l'universalità dei diritti umani, la ricerca filosofica come fondamento della speranza degli uomini in un futuro migliore, la consapevolezza della tragicità dell'esistenza.

DATA 2014
ISBN 9788846739759
NOME DEL FILE Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico.pdf
DIMENSIONE 10,53 MB
AUTORE Maddalena Mancini
Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico PDF. Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico ePUB. Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico MOBI. Il libro è stato scritto il 2014. Cerca un libro di Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico su antondemarirreguera.es.

Libro Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti ...

Nomos e polis fra l'Antigone e il Critone. Momenti del tragico nel modo antico è un libro scritto da Maddalena Mancini pubblicato da ETS nella collana Philosophica

PDF Accessions: February 2016 - library.icls.sas.ac.uk

Nomos e eikon Autore: Anna Maria Campanale , Numero di pagine: 200 La marginalizzazione del discorso iconico ha condotto, nell’ordine del sapere, in negativo, ad una svalutazione dell’immagine come fonte di conoscenza illusoria, fallace e corruttrice, e, in positivo, ad un privilegiamento della parola, detta o scritta, come più adatta a descrivere, ad ordinare, a sistemare, a ...

LIBRI CORRELATI