Scritti sull'arte PDF

Antondemarirreguera.es Scritti sull'arte Image

DESCRIZIONE

"In quel frammento un poco più lungo, ma chiuso e denso, che s'intitola 'Sull'arte e sullo spirito dell'arte', ed è come un solido mosaico di aforismi, scritti col tono dell'esortazione, della regola, anzi del comandamento, Friedrich ha concentrato tutto il suo pensiero sull'arte; tanto da farne una specie di manifesto non solo per sé, ma per l'intera arte romantica originaria. Frantumandolo, quasi riga per riga, se ne possono trarre tutte le indicazioni, le conoscenze e i riferimenti, per lui stesso, per la sua vita e la sua pittura, come se avessimo tra le mani la ponderosa sapienza di un trattato. Condizione preliminare è consacrare la vita all'arte; nient'altro dev'essere possibile, né scrivere, né insegnare, né viaggiare, né svolgere alcuna attività che non sia nell'intimo inerente all'arte; solo il rapporto con la natura, il cammino entro la natura, la penetrazione della natura, allo scopo di poterne assorbire lo spirito e trasferirlo nel quadro, è possibile, come atto complementare e preludente a quello del dipingere. Di questa consacrazione Friedrich è stato un esempio totale e supremo, e poiché essa comporta la solitudine, la lontananza dagli uomini, della sua vita e delle sue parole restano solo poche testimonianze." (dallo scritto di Roberto Tassi)

DATA 2001
ISBN 9788884165718
NOME DEL FILE Scritti sull'arte.pdf
DIMENSIONE 3,73 MB
AUTORE Caspar D. Friedrich
Leggi il libro di Scritti sull'arte direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Scritti sull'arte in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su antondemarirreguera.es.

PDF www.gianfrancobertagni.it

La pubblicazione degli scritti di Mark Rothko - uno dei più grandi artisti del XX secolo -, inediti fino a pochissimi anni fa, ha rappresentato un vero e proprio evento nel mondo dell'arte contemporanea.

Scritti sull'arte e sulla letteratura - Johann Wolfgang ...

"Scritti sull'arte" Cavolini, 2011-10-20. 4. Charles Baudelaire racconta attraverso i commenti ai Salon di metà ottocento che frequentava, ciò che si poteva vedere e ascoltare. Le opere da scartare a suo giudizio e quelle in cui aveva adocchiato un'innovazione stilistica.

LIBRI CORRELATI