Lost in translation. Scienza, informazione, democrazia PDF

Antondemarirreguera.es Lost in translation. Scienza, informazione, democrazia Image

DESCRIZIONE

La nostra società è dominata dai linguaggi specialistici: oggi infatti è difficile padroneggiare le conoscenze e la terminologia necessarie a orientarsi in ambiti complessi e allo stesso tempo fondamentali come l'energia nucleare o il testamento biologico. Eppure, in quanto membri di una società civile e democratica, abbiamo il diritto (e soprattutto il dovere) di conoscere e prendere posizione su questi argomenti. Vineis, attraverso numerosi esempi che spaziano in vari ambiti della scienza, riflette sul delicato momento in cui la conoscenza deve essere trasmessa alla società civile: la traduzione del linguaggio specialistico in uno più comprensibile, evitando da un lato banalizzazioni, distorsioni e perdite d'informazione, e alleggerendo dall'altro le pressioni politiche ed economiche che sempre più spesso gravano sulla comunicazione scientifica. Ed è qui, secondo l'autore, che il meccanismo s'inceppa: qualcosa, in questo processo di traduzione, si perde; a scapito, come nel tristemente celebre caso di Eluana Englaro, di una discussione aperta, trasparente e democratica.

DATA 2011
ISBN 9788875781996
NOME DEL FILE Lost in translation. Scienza, informazione, democrazia.pdf
DIMENSIONE 10,29 MB
AUTORE Paolo Vineis
Leggi il libro di Lost in translation. Scienza, informazione, democrazia direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Lost in translation. Scienza, informazione, democrazia in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su antondemarirreguera.es.

Lost in translation - Fantascienza.com

L'Associazione Luca Coscioni, dall'11 al 13 aprile, chiama a raccolta scienziati e ricercatori per garantire il diritto alla scienza e al progresso. Che sono diritti di tutte le persone

Biennale Democrazia 2009 Archives - Codice Edizioni

In tale ambito delle scienze cognitive, John Hovland scoperse per primo che alcune lingue identificano la posizione mediante le direzioni cardinali (nord, sud, est e ovest), per i quali è necessario mantenere l'orientamento, anziché tramite vocaboli che si pongono in relazione con il corpo, come accade nella lingua inglese.

LIBRI CORRELATI