Agenda rinnovabile. Con tre racconti e una poesia PDF

Antondemarirreguera.es Agenda rinnovabile. Con tre racconti e una poesia Image

DESCRIZIONE

Interamente realizzata con materiali riciclati e riutilizzabili al 100%, l'Agenda rinnovabile si chiama così perché è possibile personalizzare i mesi e i giorni: quando inizia per te un nuovo anno? Il primo gennaio o a metà settembre? Subito dopo le vacanze estive, all'inizio della scuola, dell'anno accademico o dell'anno solare? Questa agenda inizia quando quando ti serve: la sua grafica - basata sull'antico modello delle agende perpetue - permette di personalizzarla come preferisci partendo dal mese prescelto. Composta da dodici sezioni che puoi personalizzare in modo pratico e creativo, come preferisci tu. All'inizio di ciascuna sezione trovi un cartello segnaletico vuoto. Inserisci all'interno del cartello il nome dei mesi, a partire dal mese con cui hai stabilito di iniziare il "tuo" anno. Ogni sezione è composta da 31 pagine, con numeri in sequenza da 1 a 31. Su ogni pagina trovi una colonnina con i giorni della settimana e una "barra di navigazione" con i mesi. Per identificare in modo chiaro ogni giornata, basta evidenziare il cerchietto corrispondente al giorno. Per identificare il modo chiaro il mese, è sufficiente evidenziare o personalizzare il mese che trovi nella barra al piede delle pagine. Con tre brevi racconti di Cristiano Cavina, Anton Cechov, Ricardo Menéndez Salmòn e una poesia di Fabio Pusterla.

DATA 2010
ISBN 9788871685335
NOME DEL FILE Agenda rinnovabile. Con tre racconti e una poesia.pdf
DIMENSIONE 10,55 MB
AUTORE Richiesta inoltrata al Negozio
Leggi il libro di Agenda rinnovabile. Con tre racconti e una poesia direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Agenda rinnovabile. Con tre racconti e una poesia in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su antondemarirreguera.es.

Agenda - ilcittadino.it

PoesieRacconti.it. Mi piace: 4906. Community letteraria online con decine di migliaia di poesie, racconti e aforismi di autori celebri ed emergenti.

poesia nell'Enciclopedia Treccani

La poesia si aggrappa a concetti interni, del nostro io, che solo noi possiamo comprendere, mentre chi legge una delle nostre poesie può solo intravedere la nostra calligrafia, niente di più. La poesia è libertà, ci libera da ciò che ci opprime e resta chiuso, tra la prima e l'ultima lettera, tra il primo e l'ultimo punto.

LIBRI CORRELATI